Belfy e Lillibit sigla

1

Voto 5.00 su 5

giudizio di 1 votanti (esprimi il tuo voto su questa pagina)

Belfy e Lillibit la sigla italiana completa cantata dal gruppo le Le Mele Verdi su testo di Mitzi Amoroso e musiche ed arrangiamento rispettivamente di Corrado Castellari e Silvano D'Auria. Inciso su disco RCA nel 1981; il cartone animato di Belfy e Lillibit andò invece in onda su Italia Uno nel 1982.

Nello stesso disco troviamo l'altra sigla cantata da Le Mele Verdi dal titolo "Gli Gnomi delle Montagne".

Belfy e Lillibit sigla testo

Ma che strano,
io non sapevo che un lillipuziano,
un po' folletto e per tre quarti nano,
guardasse i bimbi a naso in su, su su su.

Ma che strano,
sta la sua casa dentro la mia mano,
una libellula per aeroplano,
per astronave un marabù.

Sopra un ramo gioca Lillibit,
disegnando dentro un cielo blu,
marachelle ride a crepapelle,
sbriciola le stelle lassù.

Mescolando fichi e fantasia,
lui cucina per la compagnia,
marmellate, scherzi e birbonate
torte un po' salate,
Bleah!

Ma che strano,
io non sapevo che un lillipuziano,
un po' folletto e per tre quarti nano,
guardasse i bimbi a naso in su, su su su.
Ma che strano...

Corre corre Belfy sulla scia,
che avventure piene di poesia!
Animali leggono i giornali,
anche senza occhiali così
come te!

Nel villaggio regna l'allegria,
è il più strano posto che ci sia,
anche il vento ruzzola contento,
corre fino a cento e va!

Ma che strano,
io non sapevo che un lillipuziano,
un po' folletto e per tre quarti nano,
guardasse i bimbi a naso in su, su su su.

[Parlato:]
Ma che strano,
così tu non sai che un lillipuziano è...
un po' folletto e per tre quarti nano, uffa!!!
Eh si! Guarda i bimbi a naso su!
Su su su!
WOW!
Belfy e Lillibit sigla

Trinità

Trinità

i fagioli comunque erano uno schifo!

Questo autore ha scritto 306 post »

Diventa nostro Fan su Facebook: clicca Mi Piace

Lascia il tuo commento

0 commenti