Marco dagli Appennini alle Ande sigla

0

Voto 5.00 su 5

giudizio di 1 votanti (esprimi il tuo voto su questa pagina)

La sigla italiana del cartone animato Marco dagli appenni alle Ande è un brano del 1982 cantato dal gruppo Gli amici di Marco, su testo di Luigi Albertelli e musiche di Vince Tempera (lo stesso autore della sigla UFO Robot Goldrake), sul lato B di questo singolo troviamo la versione strumentale di questa bella canzone.

L'anime Marco dagli Appennini alle Ande noto anche semplicemente come Marco, è stato prodotto dalla Nippon Animation ispirandosi al racconto dal titolo omonimo tratto dal romanzo capolavoro Libro Cuore di Edmondo De Amicis, in versione cinematografica potremmo definirlo un vero e proprio spin-off. Marco trasmesso per la prima volta in Italia nel 1982 sulla Rai e poi successivamente su Mediaset (Italia 1), narrà la storia di questo bambino intrepido e coraggioso che non volendo arrendersi alla lontananza della madre andata in America per necessità lavorative, intraprende con la sua fedele scimmietta un lungo viaggio ricco di avventure per raggiungerla.

Curiosità: la grafica ed i disegni di Marco sono stati fatti da Yoichi Kotabate lo stesso artista che disegnò Heidi.

Una bellissima storia piena di coraggio, sacrificio, amore ed avventura che vale la pena di vedere tutta d'un fiato, riascoltiamo e riviviamo alcune di quelle emozioni con la sigla completa di Marco dagli Appennini alle Ande con questo video tratto da YouTube.

Marco dagli Appennini alle Ande sigla testo

Oh Oh Oh Oh
Oh Oh Oh Oh

A Marco non andava proprio giù,
che la sua mamma non ci fosse più,
che oltre il mare fosse andata via,
soffriva assai di malinconia!

E allora Marco un giorno si imbarcò,
l’oceano in piroscafo passò,
e gli Appennini indietro si lasciò,
da solo poi la mamma cercò!

Le Ande son grandi ma,
l’amore è più grande sai,
la fida scimmietta poi,
la notte lo scalderà!

E Marco, Marco va, va, va,
e non si vuole arrendere!
E Marco, Marco va, va, va,
paura certo non ha!

Col suo fagotto in spalla gira e va,
le toppe sui calzoni ha messo già,
ma dentro al cuore una certezza ha,
è un uomo lui, la ritroverà!

E Marco cerca e non si stanca mai,
passando senza sosta in mezzo ai guai,
lui pensa a quando la riabbraccerà,
e a casa poi la mamma sarà!

Le Ande son grandi ma,
l’amore è più grande sai,
la fida scimmietta poi,
la notte lo scalderà!

E Marco, Marco va, va, va,
e non si vuole arrendere!

E Marco, Marco va, va, va,
paura certo non ha!
Marco dagli Appennini alle Ande sigla

Trinità

Trinità

i fagioli comunque erano uno schifo!

Questo autore ha scritto 309 post »

Diventa nostro Fan su Facebook: clicca Mi Piace

Lascia il tuo commento

0 commenti